Roma e l'Agro - Itinerari Storico Artistici

Subiaco

Il nome della città è inesorabilmente legato al culto e alla presenza di San Benedetto, che a Subiaco visse la fase iniziale della sua avventura monastica, culminata con la fondazione di tredici monasteri. Oggi Subiaco ospita due luoghi simbolo della spiritualità benedettina: il Monastero di San Benedetto “Sacro Speco” e il Monastero di Santa Scolastica.

Subiaco e i dintorni offrono scorci di particolare bellezza, da vivere in totale relax, in una cornice di grande fascino, dove l’arte si fonde con la natura e la spiritualità.



Tivoli

La sua bellezza ha sedotto intellettuali e viaggiatori del Grand Tour, facendone, nel corso del tempo, uno dei luoghi più amati e ammirati della nostra regione.

I giacimenti culturali di questa città, da sempre, attirano folle di visitatori in itinerari di incommensurabile splendore. A partire dalle magnifiche Villa d’Este, Villa Adriana e Villa Gregoriana.

La lettura continua su VisitLazio.com



Cerveteri

Uno dei centri etruschi più importanti, ridenominata Caere dai Romani e in seguito Cerveteri. La città custodisce alcuni tra i beni più importanti legati all’epoca etrusca, come la celebre Necropoli della Banditaccia, annoverata dal 2004 tra i siti Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Le origini di Cerveteri risalgono al IX-VIII a. C. e le tracce del suo glorioso passato sono perfettamente visibili sul territorio.



Tarquinia

Tarquinia è un perfetto mix di storia, arte e natura, che sa rispondere alle richieste dei viaggiatori più esigenti. La città è indissolubilmente legata al suo passato etrusco, ma custodisce importanti testimonianze del periodo romano, medievale e rinascimentale.

La sua stupenda Necropoli di Monterozzi figura dal 2004 tra i siti Patrimonio dell’Umanità Unesco.

La lettura continua su VisitLazio.com



Il Cammino di Benedetto

L’itinerario unisce i tre luoghi simbolo della predicazione benedettina: Norcia, Subiaco e Montecassino, in un percorso di oltre 300 chilometri, suddiviso in sedici tappe giornaliere.

Il tragitto inizia in Umbria e termina nel Basso Lazio, a poca distanza dal confine con la Campania.

La lettura continua su VisitLazio.com



Il Cammino di Francesco

Un itinerario di fede e cultura sulle tracce del Santo, immerso in un paesaggio incontaminato di rara bellezza. Il percorso, ai tempi della sua inaugurazione (2003), era interamente localizzato all’interno della Valle Santa Reatina. Oggi è stato ampliato, fino a raggiungere una dimensione interregionale: da Assisi a Roma in dieci tappe.

L’itinerario transita per alcuni tra i luoghi più importanti della predicazione francescana, come i santuari di Fontecolombo, Greccio, Poggio Bustone e La Foresta.



La Via Flaminia

L’itinerario moderno della via Flaminia inizia da Ponte Milvio, ma il tracciato originale nasceva alle pendici del Campidoglio, nel cuore della città, dalla quale fuoriusciva per le Mura Serviane e la via Lata.

La lettura continua su VisitLazio.com



La Via Aurelia

Fu realizzata per collegare Roma con l’importante centro etrusco di Cerveteri, ma l’espansione romana fece sì che il collegamento si estendesse verso Nord, fino ad Arles, in Provenza, passando per la Toscana e la Liguria.

La lettura continua su VisitLazio.com

 



La Via Francigena

È uno degli itinerari storico-religiosi di maggior significato della storia della cristianità, nata sul percorso che Sigerico, arcivescovo di Canterbury, compì alla fine del X secolo.



La Via Salaria

È una delle prime via di comunicazione costruite dai romani, con l’intento di trasportare il sale dalle saline di Ostia Antica​ fino ad Accumoli e successivamente verso Ascoli Piceno.

L’itinerario attraversa in massima parte la Sabina, terra borghi medievale, rocche e castelli.

La lettura continua su VisitLazio.com



Pagine